Sei qui Home » cs » news

Associazione AaZ

Aide au Zanskar - Aiuto allo Zanskar

Amici in linea 55

Lamdon Model High School



14/11/2013

Il sacco di Lhasa, 1950 - 2013
Viaggio nel Tibet di oggi e nella storia della sua architettura, specchio del cambiamento

Tutte le News

Prossime attivitÓ - Ó venir

dal 14/11/2013 al 14/11/2013
Regione Italiana: Veneto
Stato: Italia France RÚgion.
(district): 
CittÓ, Town, CitÚ: Bassano
lieu, dove: Via Capitelvecchio, 4 | Tel. 0424 525937 | ore 20.45

Dalla Lhasa tibetana alla Lhasa cinese
La conferenza propone allo spettatore di percorrere assieme il cambiamento sempre pi¨ veloce che ha portato Lhasa a perdere le proprie caratteristiche urbanistiche ed architettoniche ed a trasformarsi in una cittÓ cinese. Un sistematico piano di distruzione della identitÓ di un popolo ormai divenuto straniero sulla propria terra. Un genocidio per sommersione che le autoritÓ cinesi stanno attuando dopo lo sterminio avvenuto negli anni 60 e 70 che ha visto la morte di oltre un milione di tibetani.
Con immagini scattate in prima persona nei viaggi del 1986, 1994, 1997, 1998 e 2004, l'autore presenta questo processo sempre pi¨ veloce che ha portato la 25░ e la 26░ sessione del World Heritage Committee (Unesco) ad esprimere profonda preoccupazione sulla sicurezza di un "patrimonio dell'umanitÓ quale Ŕ il centro di Lhasa.

Il saccheggio e la distruzione
Il sacco di Lhasa, la distruzione sistematica del patrimonio culturale tibetano, Ŕ iniziato durante l'insurrezione del 1959, anche se nelle province orientali l'asportazione dai templi di oggetti di valore era giÓ una pratica corrente.
Accanto a questa opera predatoria, Ŕ stata attuata una totale distruzione di templi e monasteri, acuitasi con le campagne delle Guardie rosse negli anni 60. Nei primi anni 80, quando nella Repubblica Popolare Cinese vengono riammessi i vari culti religiosi, pur sempre sotto controllo statale, pochissimi erano i templi agibili o parzialmente aperti ai fedeli ed ai turisti.
Nella cittÓ di Lhasa si sono salvati il Potala, il Norbulinka e il Jokhang (in parte danneggiato. Si narra che fosse stato Ciu En lai, presidente della RPC a far schierare l'esercito [Esercito Popolare di Liberazione] a difesa del Potala).

Seguiranno alcune immagini tratte da Tibet, viaggiatori nell'Oriente ignoto, un volume fotografico di Stefano Pensotti e Marco Vasta che ampia parte dedica alla resistenza dei Kampa contro la invasione cinese ed alle trasformazioni avvenute in po¨ 60 anni di occupazione.

Fonte: Marco Vasta
Organizza: -
Invito:Il sacco di Lhasa

News Precedente

News Successiva

Elenco generale delle News

Elenco prossime attivitÓ

Nuova pagina 1


Ultime modifiche grafiche: martedý 17 aprile 2012